Da europeisti a euroscettici: così gli italiani si preparano al voto europeo

di Fabio Serricchio*

Le elezioni europee del prossimo maggio avranno al centro dell’agenda un tema importante: l’Europa. A quanti non riescano a trattenere un moto di ilarità, pensando ad una considerazione lapalissiana, va subito rivolta l’avvertenza che la questione non è poi così scontata. O almeno così non è stata finora, considerando che in passato le elezioni europee si sono praticamente sempre giocate su dinamiche squisitamente nazionali.

Continua a leggere

I tre motivi per cui bisogna guardare al voto europeo con attenzione

di Simona Piattoni*

Dal 23 al 26 maggio si svolgeranno le elezioni del Parlamento europeo. Le incertezze che circondano questo appuntamento ne fanno un evento particolarmente atteso, sia per le ripercussioni che avrà sugli equilibri istituzionali della Ue sia per l’impatto che avrà sulle politiche comunitarie del prossimo decennio. Dal risultato delle elezioni dipenderà infatti anche l’elezione del Presidente della Commissione Europea, che avverrà in novembre, e, più indirettamente e forse anche per compensazione, la nomina del nuovo Presidente della Banca Centrale Europea

Continua a leggere