News

Convegno 4-5 luglio 2019


    

    

EUROPA AL VOTO

Tra sfida nazionalista ed europeista

Tra il 23 e il 26 maggio 2019, nei ventisette paesi membri dell'UE – in uno scenario politico caratterizzato dalla sfida dei partiti populisti e sovranisti alle istituzioni europee e ai partiti tradizionali –, ha avuto luogo l’elezione del Parlamento europeo.

In una fase di profonda crisi del sistema politico europeo, la competizione elettorale bipolare tra le forze politiche euroscettiche e i partiti europeisti ha assunto una rilevanza politica senza precedenti.

Rispetto alle passate consultazioni europee, spesso derubricate a elezioni di secondo ordine, questo voto ha rappresentato un nuovo terremoto elettorale, con conseguenze inedite per il futuro dell’unificazione europea e per le dinamiche politiche interne dei singoli paesi.

Una prima analisi delle elezioni del prossimo maggio sarà condotta dai ricercatori di comportamento elettorale, partiti, leadership e comunicazione politica, che si riuniranno in due giornate di studio (4 e 5 luglio) presso il Dipartimento di Scienze Politiche (DISPO) dell’Università di Genova.

Comitato scientifico:

 

Mauro Barisione – Università di Milano, Presidente Itanes

Paolo Bellucci – Università di Siena, Coordinatore POPE

Alessandro Chiaramonte – Università di Firenze, Coordinatore POPE

Mara Morini – Università di Genova, Dipartimento di Scienze Politiche Fulvio Venturino – Università di Cagliari, Presidente SISE

Info: mara.morini@unige.it

4 luglio 2019

h. 14.00 – 14.15       

Saluti e introduzione

Paolo COMANDUCCI, Rettore dell’Università di Genova

Realino MARRA, Preside della Scuola di Scienze Sociali

Gian Marco UGOLINI, Direttore del Dipartimento di Scienze Politiche (DISPO) dell’Università di Genova

Mara MORINI, Dipartimento di Scienze Politiche (DISPO) dell’Università di Genova

h. 14.15 – 15.45

Panel 1 – PARTITI ED ELETTORI

Chair: Fulvio Venturino 

Patrizia Catellani,Mauro Bertolotti,Virginia Pupi(Università Cattolica di Milano), Elezioni europee 2019: previsioni, intenzioni e “senno di poi” degli elettori

Roberto De Luca(Università della Calabria), Domenico Fruncillo(Università di Salerno), Il radicamento elettorale della Lega “nazionale” di Salvini nelle regioni meridionali

Vincenzo Emanuele(Università LUISS “Guido Carli” Roma), Bruno Marino(Unitelma Sapienza), Davide Angelucci(Università LUISS “Guido Carli” Roma), The congealing of a new cleavage? The demarcation bloc between identity and competition in the European Parliament elections

Luca Tentoni(socio SISE-SISP), Il voto europeo nei capoluoghi di regione

h. 15.45 – 16.00 Coffee Break

h. 16.00 – 17.30

Panel 2 – COMUNICAZIONE POLITICA

Chair: Mauro Barisione

Luca Bianco(Università di Bologna) e Marco Improta(Università LUISS “Guido Carli” Roma), Come cambia il Movimento 5 Stelle? Le nuove strategie di comunicazione politica per le Europee 2019 

Giuliano BobbaCristopher CepernichCristina CremonesiMoreno Mancosu(Collegio Carlo Alberto),Franca RoncaroloAntonella Seddone(Università di Torino), Dinamiche di europeizzazione della sfera pubblica italiana. Il caso delle elezioni europee 2019

Andrea Caretta(Osservatorio di Pavia), Vittorio Cobianchi(Osservatorio di Pavia), Guido Legnante(Università di Pavia), Partiti, temi e leader nella campagna elettorale europea

Giancarlo Gasperoni(Università di Bologna), Sondaggi sulle intenzioni di voto ed elezioni italiane per il Parlamento Europeo: qualità metodologica e capacità predittiva

Frédéric Pascali(Socio SISE), La comunicazione politica dei partiti. La Lega di Salvini, tra sacro e profano, inseguendo la comunicazione di un nuovo protagonismo sociale

h. 17.30 – 19.00

Assemblea SOCI - SISE - POPE - ITANES

5 luglio 2019

h. 9.00 -10.30

Panel 3 – LE MOTIVAZIONI DEL VOTO

Chair: Alessandro Chiaramonte 

Lorenzo De SioAldo Paparo,Davide Angelucci(Università LUISS “Guido Carli” Roma),Where is my mind? Domestic and European issue voting in the 2019 Italian EP elections

Nicola Maggini(Università di Firenze), Quali temi dietro alle performance elettorali dei partiti alle elezioni per il Parlamento Europeo del 2019?

Tito Forcellese(Università di Teramo), Misurare il consenso di leader e partiti. Le influenze del sistema politico italiano sul voto per il parlamento europeo nell’era del “maggioritario all’italiana”, 1994-2019.

Rinaldo Vignati(Università di Bologna-Istituto Cattaneo), Il voto di preferenza nelle elezioni europee 

h. 10.30 – 10.45 Coffee break

h. 10.45 – 12.00

Panel 4 – POLITICA IN EUROPA

Chair: Paolo Bellucci

Malgorzata Lorencka(Università di Slesia), Le elezioni europee 2019 in Polonia. La destra nazionalista può stravincere le elezioni politiche in autunno?

Maurizio PessatoRado FondaRiccardo Benetti(SWG), Elezioni Europee: il clima socio-politico in Europa

Fabio Serricchio(Università del Molise), Citizens’ support for the European Union and electoral turnout: a link that needs to be clarified

Alessandro Testa(Università di Perugia), L’Onda verde e le sue radici. Trent’anni di crescita dei partiti ambientalisti nell’Europa centro-settentrionale

h. 12.00 – 13.00

Tavola rotonda

CHE COSA CI INSEGNANO LE ELEZIONI EUROPEE 2019?

Mauro BARISIONE, Presidente ITANES

Università di Milano

Paolo BELLUCCI, Coordinatore POPE

Università di Siena

Giampiero CAMA

Università di Genova - DISPO

Alessandro CHIARAMONTE, Coordinatore POPE Università di Firenze

Fulvio VENTURINO, Presidente SISE 

Università di Cagliari

Il convegno è organizzato con i contributi dell’Università di Genova, del Dipartimento di Scienze politiche (DISPO) e dello Standing Group “Partiti Opinione Pubblica Elezioni” (POPE) della Società Italiana di Scienza Politica(SISP)


Programma completo 4-5 luglio

Save the date




ATLANTE ELETTORALE


Dal 1980, la Società Italiana di Studi Elettorali (SISE) promuove la ricerca nel campo delle elezioni, delle scelte di voto e del funzionamento dei sistemi elettorali. L’Associazione si avvale del contributo di giuristi, sociologi, storici e scienziati della politica con l’obiettivo di favorire la discussione attraverso l’organizzazione di  convegni di taglio accademico aperti anche al contributo di politici e commentatori.

In occasione delle elezioni europee del prossimo maggio riparte AtlanteElettorale, uno spazio di discussione volto a contribuire, durante la campagna elettorale, al dibattito pubblico.

Grazie alla collaborazione con Repubblica.it, come già fatto in occasione delle politiche del 2018, a partire da febbraio e fino alla data delle elezioni, saranno pubblicati settimanalmente degli interventi – principalmente di studiosi soci SISE – in grado di affrontare, con rigore scientifico ma in forma divulgativa, le regole elettorali, le strategie dei partiti e l’andamento della campagna.

Buona lettura a tutti.

Il Presidente della Società Italiana di Studi Elettorali

Fulvio Venturino

 

30 MAGGIO 2019

L'occasione fallita (forse) di creare una classe politica europea

di LUCA VERZICHELLI 

 

22 MAGGIO 2019

Elezioni europee, ma poca Europa

di NICOLO' CONTI

 

15 MAGGIO 2019

Tra disinteresse e disincanto i Paesi dell'Est si preparano al voto europeo

di SORINA SOARE

 

09 MAGGIO 2019

Sovranisti d'Italia: il rischio di una vittoria di Pirro (a scapito degli interessi degli italiani)

di MARCO VALBRUZZI

 

24 APRILE 2019

Siamo tutti euroscettici? Non esattamente. Ecco perché

di SIMONA GUERRA

 

18 APRILE 2019

La Francia in Europa tra Macron, Le Pen e la crisi dei partiti tradizionali

di SOFIA VENTURA

 

11 APRILE 2019

Quel populismo di destra che in Europa procede in gruppi separati (fino ad oggi)

di DUNCAN MCDONNELL

 

04 APRILE 2019

La Brexit, il caos di partiti e governo e la domanda di fondo: "Cosa significa essere inglesi?"

di JAMES NEWELL

 

28 MARZO 2019

Tra elezioni europee e politiche: gli esempi di Spagna e Grecia

di ANNA BOSCO e SUSANNAH VERNEY

 

21 MARZO 2019

Perché la politica italiana dovrebbe sprovincializzare le elezioni europee

di MAURO BARISIONE

 

14 MARZO 2019

Il peso della Germania in Europa (anche alle elezioni europee)

di SILVIA BOLGHERINI

 

07 MARZO 2019

L’immigrazione oltre la crisi dei rifugiati. Perché è importante per il futuro dell’Europa

di TIZIANA CAPONIO

 

28 FEBBRAIO 2019

Prospettive di (non) riforma della Unione Economica e Monetaria

di LUCIA QUAGLIA

 

20 FEBBRAIO 2019

Da europeisti a euroscettici: così gli italiani si preparano al voto europeo

di FABIO SERRICCHIO

 

14 FEBBRAIO 2019

I tre motivi per cui bisogna guardare al voto europeo con attenzione

di SIMONA PIATTONI

 



CALL FOR PAPERS


Giornate di studi in ricordo di

VITTORIA CUTURI

Il 10 e l’11 Maggio di terranno due Giornate di studio in ricordo di Vittoria Cuturi sul tema “Crisi economica, democrazia e rappresentanza” con la presenza di due importanti Keynote speakers: Francesco Ranioll, Professore Ordinario di Scienza Politica presso l’Università della Calabria e Paolo Segatti, Ordinario di Sociologia politica presso l’Università di Milano.

All’interno del Ciclo di incontri “Mutazioni”, le giornate organizzate da Rossana Sampugnaro, Simona Gozzo, Orazio Lanza e Venera Tomaselli ospiteranno numerosi studiosi all’interno di panel tematici.

In allegato lcall for paper (aperta fino al 20 Aprile) e un documento con numerosi ricordi” dedicati alla Prof. Cuturi, Prof. Ordinario di Sociologia Generale presso il Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali, scomparsa un anno fa”.

---

      

Crisi economica, democrazia e rappresentanza

Keynote speakers: Francesco Raniolo, Unical; Paolo Segatti, Unimi.

Interventi programmati: Carlo Colloca, Renato D’Amico, Mimmo Fruncillo, Simona Gozzo, Francesca Montemagno, Orazio Lanza, Rossana Sampugnaro, Venera Tomaselli. 

CALL FOR PAPERS. La crisi economica sovverte principi generali che apparivano acquisiti una volta per tutte nel mondo occidentale: tolleranza, allargamento dei diritti di cittadinanza, percorsi di accoglienza dei migranti in fuga da guerre e da fame, compresenza di culture diverse e alternative in un contesto favorevole alla globalizzazione. La crisi del 2008 travolge queste certezze e produce una serie di trasformazioni sociali (accentuazione delle disparità di reddito, perdita della coesione, emersione di vecchie e nuove marginalità sociali) in grado modificare profondamente il quadro politico. Nel comportamento politico ed elettorale, riemergono con forza le rivendicazioni di ordine economico che contrappongono losers e winners della globalizzazione, giovani e pensionati, lavoratori inseriti in un sistema di sicurezze sociali e precari. In una Europa investita da una crisi di fiducia e da una calante integrazione sociale, si affermano i movimenti populisti e le relative retoriche mentre ci si interroga sui nuovi significati di democrazia e rappresentanza. Le marginalità sociali (economiche, culturali, territoriali) diventano rilevanti per comprendere l’evoluzione dei comportamenti politici e, in particolar modo, di quelli elettorali tanto da richiedere una riflessione teorica sulle categorie e studi empirici adeguati.

Le due giornate di studio, dedicate a Vittoria Cuturi ad un anno dalla sua scomparsa, intendono offrire l’occasione per un dibattito scientifico su crisi economica, crisi della rappresentanza e comportamento politico. La conferenza invita a presentare contributi che si occupano (anche se non in maniera esclusiva) delle seguenti aree tematiche:

A) crisi economica e crisi della rappresentanza; B) crisi economica, vecchie e nuove marginalità e comportamento elettorale; C) rappresentazione della crisi economica e opinione pubblica; D) crisi dell'integrazione europea e opinione pubblica e) coesione sociale e cambiamenti politici; E) nuove e vecchie periferie “politiche”.

Le proposte possono essere inviate entro il 20.04.2019 a sampugnaro@unict.it, Tel. 09570305277

È prevista la pubblicazione dei contributi in una rivista scientifica e/o in un volume collettaneo.

COMITATO SCIENTIFICO: Rossana Sampugnaro (sampugnaro@unict.it); Simona Gozzo, (simonagozzo@yahoo.it); Venera Tomaselli (tomavene@unict.it); Orazio Lanza (lanza@unict.it). 

 



CALL FOR PAPER


PSA 69th Annual International Conference

15-17 April 2019

Nottingham Trent University
#PSA19

(UN)SUSTAINABLE POLITICS IN A CHANGING WORLD

Panel Proposal

Italian Politics Specialists Group

Media and Politics Specialists Group

Media and Politics in the post-representative democracy: the European scene

Chairpersons:

Luigi Ceccarini, University of Urbino Carlo Bo, Italy | Italian Politics Specialists Group

Michele Sorice, LUISS University, Rome, Italy | Media and Politics Specialists Group                   

Discussants:

Giovanni Boccia Artieri, University of Urbino Carlo Bo, Italy | Italian Politics Specialists Group

Emiliana De Blasio, LUISS University, Rome | Media and Politics Specialists Group

 

Keywords: Political Communication, Participation; Civic engagement; Populisms; Post-representative politics

In the last two decades, not surprisingly, many scholars have talked about the emergence of the post-representative politics (Keane 2013, De Blasio and Sorice 2018, Ceccarini and Diamanti 2018). The crisis of representation, in fact, can easily be interpreted as a deficit of trust on the part of citizens towards political institutions. In this climate of mistrust, the demands for more participatory forms of democracy and a citizens’ critical (Norris 1999) and monitorial approach to politics (Rosanvallon 2006) are growing, as well as reactions that push towards the request for new forms of representation, such as those that we can define as "hyper-representation" and which constitute the background of many contemporary populisms. The lack of trust in political institutions generates three areas of response from citizens: a) social apathy; b) the request for a more accurate control over representative institutions (the sanctioning democracy); c) the request for new forms of participation (from active citizenship to different forms of democratic innovations to the emergence of new “challenger parties”).

After 2018 general elections, Italy constitutes an interesting example of the consolidation of a post-representative democracy; this is provoking a radical change in the political scenario, a deep transformation in the logic of political communication (Berlusconi’s era seems paradoxically really far away) and a diffusive development of new and individualized (Micheletti 2003) forms of political participation.

The panel aims at highlighting the radical transformation of Italian and European political scenario following the insurgence of the post-representative politics and some instances of depoliticisation and its controversial relationship with the media, both “traditional” and “digital.

In order to discuss these topics, papers that focus on the linkages between media use, political participation and citizens’ involvement, as well as on a multidisciplinary and comparative approaches are very welcome.

If you are interested in contributing to the panel, please send an abstract (max 300 words) by 19th October 2018 to luigi.ceccarini@uniurb.it and michele.sorice@ccps.it

 

 



XVII Premio “Celso Ghini”


XVII Premio “Celso Ghini”

La Società Italiana di Studi Elettorali (S.I.S.E) bandisce fra giovani studiosi italiani e stranieri DUE PREMI per tesi su temi elettorali, discusse negli anni 2017 e 2018.

 

I premi saranno così assegnati:

  • 1.500 per una tesi di laurea quadriennale o specialistica,
  • € 2.000 per una tesi di dottorato.

 

I premi saranno assegnati da una Commissione nominata dal Comitato Scientifico della S.I.S.E., il cui giudizio sarà comunque insindacabile.

 

Una copia della tesi dovrà pervenire - entro e non oltre il 31 gennaio 2019, in plico raccomandato, con allegati i contatti personali e la copia del documento di riconoscimento - a:

 

Prof. Mario Caciagli

Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali

Via delle Pandette 21

50127 Firenze

 

Info: segreteria@studielettorali.it

 


Bando XVII Premio “Celso Ghini”

CALL FOR ABSTRACTS - Temi e leader oltre le ideologie


Temi e leader oltre le ideologie

Convegno dell’Associazione Italiana di Comunicazione Politica (AssoComPol)

Perugia | Università di Perugia | 13-15 Dicembre 2018

I risultati delle elezioni del 4 marzo 2018 hanno confermato quello che ormai da anni molte ricerche avevano già anticipato: la preminenza delle singole figure di leader e di alcuni principali temi divisivi (si veda quello dell’immigrazione) sulle scelte elettorali dei cittadini e più in generale sul dibattito pubblico. Si crea un connubio tra leader e temi, con i primi che si identificano, a volte si appropriano, dei secondi facendone un loro essenziale cavallo di battaglia. Ciò va a discapito delle tradizionali appartenenze politiche con un’accentuata volatilità delle decisioni di voto come appunto dimostrato nella tornata elettorale di quest’anno.

Questa tendenza non appare limitata all’Italia, bensì accomuna molte democrazie liberali come confermato da molti recenti eventi e dalla sempre maggiore centralità nel dibattito pubblico di temi come immigrazione ed Europa che provocano laceranti divisioni nel paese.

Il convegno ComPol di Perugia intende discutere, anche in una prospettiva diacronica e comparativa, presentazioni che affrontino i problemi sopra delineati assieme anche ad altri approcci che illustrino le modifiche intervenute nella comunicazione politica e nella sfera pubblica degli ultimi anni. Particolare attenzione verrà dedicata all’interazione tra mainstream media e new media che è, in larga parte alla base delle modificazioni accennate.

Si sollecitano di conseguenza paper che affrontino i seguenti argomenti:

  • il ruolo dei leader nella determinazione delle scelte elettorale;
  • i leader nel momento elettorale e non;
  • temi divisivi e temi unificanti nel dibattito pubblico;
  • tendenze e rilevazioni comparative nelle democrazie liberali;
  • il dibattito sul populismo e le scelte tematiche;
  • il sistema mediale ibrido e il suo ruolo nella determinazione di nuove tendenze della comunicazione (echo chamber, etc.)

Le proposte di paper devono includere: nome, affiliazione con indirizzo, e indirizzo email del/dei proponente/i, un titolo, tre parole-chiave e un abstract di non più di 400 parole (senza riferimenti bibliografici). Gli abstract che non seguono tali indicazioni non verranno presi in considerazione. Si vedano con attenzione le “Abstract Instructions”.

 

Termine per l’invio degli abstract: 31 Agosto 2018 a convegno@compol.it.
Notificazione di accettazione: 15 Ottobre 2018
I paper completi dovranno essere inviati entro il 30 Novembre 2018.

 


Comitato scientifico: Giuseppina Bonerba, Paolo Mancini, Rita Marchetti, Marco Mazzoni, Gianpietro Mazzoleni, Roberto Mincigrucci, Anna Stanziano, Sofia Verza


Call for Abstracts (ENG) Call for Abstracts (ITA)

Programma - Incontro di studio su: Elezioni politiche e regionali 2017/2018 (Università degli Studi di Salerno)